Coronavirus, Niccolò allo Spallanzani in quarantena. Di Maio: ‘Rimpatriati tutti gli italiani’


Coronavirus, due bimbi dalla Cecchignola allo Spallanzani per controlli

L’Italia ha completato il processo di rimpatrio degli italiani in Cina e rinnova la vicinanza al popolo cinese per lo sforzo che sta portando avanti nella battaglia contro l’epidemia di Coronavirus. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, all’aeroporto militare di Pratica di Mare , dove si è recato per attendere l’arrivo di Niccolò, il ragazzo di 17 anni di Grado riportato in Italia da Wuhan, la città cinese al centro dell’epidemia di Coronavirus, a bordo di un Boeing 767 dell’Aeronautica. Nella conferenza stampa seguita all’arrivo del giovane, Di Maio ha ringraziato l’ambasciata d’Italia a Pechino, l’ambasciatore Luca Ferrari, le forze armate e la Protezione civile guidata da Angelo Borrelli per gli sforzi profusi per il rimpatrio degli italiani. “Con oggi abbiamo completato il processo di evacuazione degli italiani. Non ci sono più italiani che hanno fatto richiesta di essere rimpatriati, li abbiamo rimpatriati tutti”, ha dichiarato il ministro degli Esteri, sottolineando che l’Italia si sta attenendo a profili di sicurezza rigorosi. Il ministro ha rivolto i suoi “migliori auguri” a Niccolò, ricordando che si trovava in Cina per studiare, “un bel messaggio”. Il giovane, che si trovava in Cina per un programma di studio di Intercultura, è rimasto bloccato due volte a causa della febbre, il 5 e il 9 febbraio, quando sono stati rimpatriati gli altri connazionali: un primo gruppo di 56 e un secondo di otto. Le 64 persone stanno ora osservando il periodo di quarantena nell’Ospedale militare di medicina legale della cittadella della Cecchignola e nel Policlinico militare del Celio, a Roma. Niccolò, benché sia risultato negativo al test del Coronavirus e abbia superato i controlli sanitari necessari per l’autorizzazione alla partenza, ha viaggiato in isolamento, secondo un protocollo di “biocontenimento”.  Atterrato a Pratica di Mare è stato portato in ambulanza scortato da auto della polizia, un mezzo dell’esercito e dei vigili del fuoco. Allo Spallanzani sarà ricoverato per la quarantena e sottoposto ad altri controlli.
Cronache della Campania@2020

Fonte


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!