Categorie
Cronaca Ultime Notizie

Napoli, Sepe e la Comunita’ di Sant’Egidio a sostegno dei poveri

Napoli, Sepe e la Comunita’ di Sant’Egidio a sostegno dei poveri. Distribuzione di doni e pranzi da asporto per centinaia di senzatetto.
Distribuzioni di doni e pranzi di Natale da asporto a centinaia di senzatetto. Cosi’, nel giorno di Natale, la Comunita’ di Sant’Egidio a Napoli e’ stata vicina ai poveri. Non potendo fare i tradizionali pranzi, in diversi luoghi della citta’ sono stati predisposti centri di accoglienza dove, nel rispetto delle norme anti-covid, le persone che vivono per strada hanno potuto ritirare cibo e regali. Nella chiesa di San Severino e Sossio erano in cento.
Ognuno aveva ricevuto un invito personale e un numero, corrispondente al posto dove sedersi. A fare gli auguri e’ intervenuto il cardinale Crescenzio Sepe, che non ha voluto far mancare la sua vicinanza nel suo ultimo Natale da arcivescovo di Napoli, e rivolgendosi agli ospiti ha affermato: “Con la nascita di Gesu’ non siete soli, siete figli e fratelli, e anche se quest’anno non possiamo pranzare insieme il Covid non ci puo’ impedire di festeggiare il Natale”. Il cardinale ha voluto poi ringraziare i volontari della Comunita’ per il loro impegno in favore dei poveri.
L’evento e’ stato animato dalla cantante Marina Bruno che ha intonato “Quanno nascette ninno”, e poi all’improvviso, venti Babbo Natale hanno distribuito i doni agli ospiti, che sono rimasti rispettosi ai loro posti per poi tornare nelle strade e nelle piazze dove dimorano. Dentro una busta rossa, c’erano confezioni di pasta al forno, polpettone, patate frutta dolci e un piccolo panettoncino, con un giubbotto per proteggersi dal freddo in regalo per tutti. Nella chiesa di S. Maria di Costantinopoli, invece sono intervenuti 60 clochard che gravitano nella zona del Museo Archeologico Nazionale, a cui si e’ unito un anziano di 78 anni dei Quartieri Spagnoli che alla fine ha voluto ringraziare per essere stato accolto: vive da solo e, saputo dell’avvenimento, si e’ voluto recare in chiesa a prendere il suo pacco.
Altri 30 poveri sono raggiunti tra la chiesa di S.Maria delle Grazie e Toledo e la Galleria Umberto dove un gruppo alcuni di loro si rimasti per ripararsi dalla pioggia. Nel quartiere napoletano di San San Giovanni a Teduccio, poi ad Aversa, nel Rione napoletano del Vasto si sono svolte altre distribuzioni, mentre nella zona di Fuorigrotta, sempre a Napoli, un furgone guidato da Babbo Natale ha distribuito pranzi da asporto e doni ai senzatetto della zona, con pasta al forno cucinata dai ragazzi dell’istituto di Nisida. Infine, alcuni anziani soli del Rione Sanita’ e dei Quartieri Spagnoli hanno ricevuto regali e pranzo. “In questo Natale insolito, sicuramente piu’ essenziale, abbiamo voluto essere vicini ai poveri che incontriamo durante l’anno in modo diverso ma con l’amicizia e il calore di sempre” afferma il portavoce della Comunita’ di Sant’Egidio Antonio Mattone. Iniziative rese possibili dalla presenza di tanti volontari e dalla generosita’ di numerose aziende, perche’ se e’ vero che aumenta la poverta’ e’ altrettanto vero che cresce anche la solidarieta’. “Anche senza tavolate e abbracci, la Comunita’ di Sant’Egidio ha voluto preparare un Natale ricco di calore per i piu’ fragili e piu’ soli” aggiunge il portavoce.
Completa la lettura di Napoli, Sepe e la Comunita’ di Sant’Egidio a sostegno dei poveri
Cronache della Campania@2015-2020

Fonte