Categorie
Primo Piano Ultime Notizie

Morte di Maria Paola, don Patricello: ‘La causa è l’assenza di cultura’

“La storia di Maria Paola e’ molto triste, non ci ho dormito. Ho battezzato lei e il fratello Michele Antonio, quest’ultimo l’ho anche sposato qualche anno fa.
 
Non credo volesse davvero uccidere la sorella, forse voleva darle una lezione, saranno le indagini a stabilirlo; di certo non era preparato culturalmente a vivere la relazione della sorella con un’altra donna”. Don Maurizio Patriciello, parroco al Parco Verde di Caivano , conosceva sia la famiglia Gaglione che quella della compagna di Maria Paola, Cira, che pero’ ha scelto di farsi chiamare Ciro; entrambe le famiglie risiedono al Parco Verde di Caivano, complesso residenziale tra i piu’ degradati dell’hinterland napoletano, divenuto noto qualche anno fa per le vicende di pedofilia che coinvolsero la piccola Fortuna Loffredo, tanto da meritarsi l’appellativo di “Parco degli Orrori”.
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Caivano, ha ucciso la sorella ‘perché gay’ e poi ha picchiato la compagna trans: è in carcere
Il Gay center chiede giustizia per l’inqualificabile violenza su Maria Paola e Ciro
Maria Paola, 20 anni, e’ morta ad Acerra mentre era in scooter dopo essere stata speronata dalla motocicletta del fratello, che non accettava la relazione omosessuale della ragazza; con Maria Paola c’era la compagna 22enne, che e’ rimasta ferita. “Non sapevo della relazione tra le due ragazze – prosegue don Patriciello – ma sapevo della scelta di Ciro, che rispetto; per loro non sara’ stato facile. Ancora oggi queste persone fanno fatica a farsi accettare”.
Il sacerdote teme che la situazione possa degenerare, specie sui social, dove la madre del ragazzo ha scritto un post di difesa del figlio. “Sui social ho letto brutti commenti, attacchi tra le famiglie, ma e’ necessario stare calmi e attendere che le indagini facciano il proprio corso”. Nei prossimi giorni don Maurizio officera’ i funerali della ragazza.
Completa la lettura di Morte di Maria Paola, don Patricello: ‘La causa è l’assenza di cultura’
Cronache della Campania@2016-2020

Fonte