Categorie
Cronaca Ultime Notizie

Pizzo sui cantieri nella zona Vesuviana: in manette il figlio del boss Panico e il suo guardaspalle

Nel pomeriggio di mercoledì 19 febbraio, in Sant’Anastasia, i Carabinieri della Sezione Operativa del N.O.R. della Compagnia di Castello di Cisterna (NA) hanno dato esecuzione all’Ordinanza di custodia cautelare in carcere e in regime di arresti domiciliari emessa – su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia – dall’Ufficio GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di due persone, ritenute responsabili – in concorso tra loro – del reato di estorsione aggravato dal c.d. “metodo mafioso”: PERILLO Ciro, nato a Napoli il 30.03.1977, alias “o’ cantiniere” e REA Giovanni Angelo, nato a San Giuseppe Vesuviano il 14.05.1976.
Il provvedimento cautelare in questione giunge all’esito di articolata indagine – coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Napoli e condotta dalla Sezione Operativa del N.O.R. della Compagnia Carabinieri di Castello di Cisterna – che ha permesso di:
– confermare il ruolo di elemento apicale in seno al clan“PERILLO-PANICO” (operante nel comune di Sant’Anastasia) di PERILLO Ciro, quest’ultimo figlio di PERILLO Gerardo, vertice del citato sodalizio criminale;
– documentare il ruolo degli indagati – in relazione ad un episodio estorsivo consumato nel dicembre 2018 in danno di un imprenditore edile di Somma Vesuviana (in quel periodo impegnato nell’esecuzione di alcuni lavori nel territorio di Sant’Anastasia) – rispettivamente, il primo, quale mandante ed esecutore materiale ed, il secondo, di materiale riscossore;
– appurare che la condotta sia stata posta in essere dietro il pretesto di sostentare i detenuti;
– ricostruire che la somma di danaro estorta ammontava a circa 2000 euro, richiesti in contanti;
Il provvedimento eseguito ha collocato il PERILLO in regime di custodia cautelare in carcere presso la Casa Circondariale di Napoli – Secondigliano e il REA agli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza.
Cronache della Campania@2020

Fonte