Categorie
Quartieri di Napoli Ultime Notizie

Napoli, degrado ed abusivismo in via Galileo Ferraris e nel quartiere Vasto

Napoli. Diventa sempre più ingestibile la situazione di degrado nel quartiere Vasto, la zona della Stazione Centrale, in quelle aree dove è maggiormente concentrata la povertà e il disagio sociale dei tanti immigrati che risiedono in zona.
Giungono ogni giorno diverse segnalazioni, fatte dai residenti del quartiere sopra citato, ai Verdi della Campania, riguardanti le gravi situazioni di degrado, legate soprattutto ai mercatini abusivi messi in piedi dagli extracomunitari che occupano i marciapiedi di intere strade, soprattutto via Galileo Ferraris e Piazza Principe Umberto, con bancarelle improvvisate di abiti ed oggetti usati, creando disagi e pericoli per i residenti ed i passanti.
“Il fenomeno degli immigrati viene gestito male e questo crea enormi disagi, sia per loro stessi che per tutti gli altri. La forte concentrazione, in unico luogo, di tante persone accomunate da disagi sociali, povertà e storie difficili non può che sfociare in tensioni, violenza ed illegalità. In Via Galileo Ferraris e in Piazza Principe Umberto, la domenica mattina, si dà vita un enorme mercatino abusivo della spazzatura che diventa regno di disordini, illegalità e degrado e i residenti diventano ostaggi di questo scempio.
Serve un nuovo modo di gestire la questione, occorre una integrazione diversa, servono molti più controlli affinché le zone sovraffollate di extracomunitari non diventino luoghi di illegalità e pericoli.”- sono state le parole del Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.
“Questi mercatini messi su con roba trovata nella spazzatura sono un vero degrado, e sono un rischio, anche per la salute, per chi li organizza e per chi si trova a transitare per quelle strade. Anche i commercianti subiscono un danno notevole dato che la probabile clientela viene allontana da quello scenario raccapricciante.”- ha aggiunto il Consigliere della Municipalità II per il sole che ride Salvatore Iodice.
Cronache della Campania@2020

Fonte