Categorie
Primo Piano Ultime Notizie

Coronavirus: donna morta a Codogno madre di amico del 38enne. Oltre 40 i casi in Italia

E’ la mamma di un amico del 38enne di Codogno, ora al San Matteo di Pavia, la donna morta nella sua abitazione a Casalpusterlengo che sarebbe la prima, presunta vittima del coronavirus in Lombardia. Stando a fonti vicine alla famiglia, la donna sarebbe morta di infarto, forse collegato a una debilitazione dovuta al virus. Sono oltre 40 i casi di Coronavirus registrati in Italia, incluse le 3 persone ricoverate allo Spallanzani di Roma, e le due vittime in Veneto e Lombardia (quest’ultima un’anziana di 76 anni di Casalpusterlengo deceduta in casa e in attesa di conferma che sia stata colpita dal coronavirus). Sempre in Lombardia, dove i casi confermati sono 32, sono in corso accertamenti su altri quattro casi: una donna di Sesto Cremonese, un paziente residente in un comune vicino, sono risultati positivi al test e sono stati prese in cura da personale sanitario; come due medici, marito e moglie (lei pediatra) di Pieve Porto Morone, nel pavese, ricoverati al San Matteo di Pavia. Un’anziana di 82 anni invece, residente a Codogno e ricoverata a Piacenza, avrebbe contratto il virus durante una visita al pronto soccorso di Codogno dove era stato visitato una prima volta prima del ricovero, Mattia il 38enne paziente zero ricoverato in gravi condizioni nell’ospedale di Codogno. Intanto è in corso il Tavolo operativo con il governo e i vertici di Regione Lombardia per decidere quali misure adottare per contenere il virus. Al momento in 10 Comuni del lodigiano, dove è scoppiato il focolaio, sono state sopese tutte le attività e chiusi tutti gli uffici e gli esercizi commerciali. In totale sarebbero oltre 250 le persone in quarantena per le quali si stanno attrezzando centri di accoglienza. Nel frattempo sono stati chiusi l’ospedale di Schiavonia a Padova con circa 450 persone dentro fra medici e pazienti, così come l’ospedale di Codogno dove è stato ricoverato il paziente zero.
Cronache della Campania@2020

Fonte