Categorie
Primo Piano Ultime Notizie

Domani al via i saldi: giro di affari per 5 miliardi di euro

Interessano oltre 15 milioni di famiglie, muovono in totale 5,1 miliardi di euro, con una spesa media a famiglia di 324 euro, 140 euro pro capite per abbigliamento, calzature e accessori: sono questi, secondo le stime dell’Ufficio Studi Confcommercio, i numeri dei Saldi invernali che partono domani in Basilicata, Sicilia e in Valle d’Aosta e dal 4 gennaio in tutte le altre regioni. “Il 2020 sarà un anno all’insegna della sostenibilità anche per la moda”, commenta Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio, sottolineando come i Saldi siano l’occasione per rilanciare gli acquisti “nei negozi di prossimità”, con il vantaggio di fare shopping”. Per questo, prosegue Borghi “abbiamo chiesto ed apprezzato l’introduzione della web digital tax per i colossi del web che vendono in Italia e ne auspichiamo una regolamentazione comune da parte della Ue”. Per evitare brutte sorprese, Confcommercio ricorda alcuni principi di base: – 1 Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme. In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, se ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore e’ pero’ tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto. – 2 Prova dei capi: non c’è obbligo. E’ rimesso alla discrezionalità del negoziante. – 3 Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante. – 4 Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso. – 5 Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.
Cronache della Campania@2019

Fonte