Categorie
Primo Piano Ultime Notizie

Attacco con machete in casa del rabino: 5 feriti. Arrestato l’aggressore

E’ entrato con il volto coperto da una sciarpa e con un machete nella casa privata del rabino, Chaim Rottenberg, e ha ferito cinque persone. E’ accaduto a Monsey, a 50 chilometri da New York in Usa, zona con una grande popolazione di ebrei ultra-ortodossi, mentre nell’abitazione mentre si stava celebrando la festa Hanukkah. Le vittime, tutti membri chassidici della fede ebraica, sono state trasportate negli ospedali locali, due sono in condizioni critiche. L’autore, che era riuscito a scappare dall’abitazione, nonostante i vari tentativi di fermarlo, riferiscono i media americani, è stato arrestato dalla polizia dopo una breve fuga nella zona di Harlem; mentre la polizia sta intanto eseguendo un mandato di perquisizione in un’abitazione a Greewnwood Lake, località non lontana da Monsey, sospettata di essere la casa dell’attentatore. “Stavo pregando per la mia vita”, ha dichiarato al New York Times il testimone Aron Kohn, 65 anni, descrivendo il coltello usato dall’aggressore come “la dimensione di un manico di scopa”. Yossi Gestetner, co-fondatore del OJPAC per la regione della Hudson Valley, ha riferito al New York Times che una delle vittime era un figlio del rabbino. “La casa aveva molte dozzine di persone”, ha detto Gestetner. Durissima la rezione del governatore di New York, Andrew Cuomo, che si è detto essere “inorridito” dall’atto “spregevole e codardo”, e che aveva diretto la task force sui crimini d’odio della polizia di stato per indagare.”Abbiamo una tolleranza zero per l’antisemitismo a New York e considereremo l’attaccante responsabile nella misura massima consentita dalla legge”, ha twittato. Da Israele, il presidente Reuven (Ruvi) Rivlin ha espresso il suo “shock e sdegno” per l’attacco. “L’ascesa dell’antisemitismo non è solo un problema ebraico, e certamente non è solo il problema dello Stato di Israele”, ha affermato in una nota. “Dobbiamo lavorare insieme per affrontare questo male, che sta rialzando la testa ed è una vera minaccia in tutto il mondo” ha concluso.L’episodio di Monsey si inserisce in un’ondata di violenza antisemita nella regione di New York. Venerdì, la polizia di New York ha intensificato le pattuglie in tre quartieri di Brooklyn dopo quello che i funzionari hanno definito un “allarmante” aumento degli incidenti. Il mese scorso, un ebreo ortodosso è stato pugnalato a pochi passi da una sinagoga locale mentre camminava per le preghiere del mattino. Le telecamere di sorveglianza della sinagoga hanno mostrato un veicolo che si fermava vicino all’uomo e poi l’aggressione. L’attentatore non è stato trovato.
Cronache della Campania@2019

Fonte