Inchiesta Universiadi, Bonavitacola: ‘Estraneo a scelte di navi e hotel’


Universiadi, indagato il vice presidente della Campania e un imprenditore alberghiero

“In relazione a notizie apparse sugli organi di stampa, riguardanti accertamenti sulle ragioni dell’utilizzo di navi da crociera per le Universiadi, voglio precisare che non ho mai viaggiato o stazionato su navi da crociera in tutta la mia vita. Di nessuna compagnia crocieristica. Ho gia’ detto della mia assoluta e verificabile estraneita’ alle complesse procedure e conseguenti decisioni che hanno portato all’individuazione delle strutture alberghiere ospitanti gli atleti delle Universiadi. Confermo altrettanta estraneita’ alle procedure che hanno consentito l’individuazione delle navi da crociera per completare il villaggio degli atleti”. Lo afferma in una nota il vicepresidente della Giunta Regionale della Campania Fulvio Bonavitacola, indagato dalla Procura di NAPOLI nell’ambito dell’inchiesta sulle Universiadi 2019. “Lo preciso – prosegue Bonavitacola – solo per amore di verita’, avendo totale fiducia negli organi preposti all’evento e sono assolutamente convinto che hanno operato con correttezza e rispetto delle leggi. Mi sono battuto in ogni sede e pubblicamente contro la follia di sistemare nel rovente mese di luglio migliaia di ragazzi provenienti da tutto il mondo nei containers alla Mostra d’Oltremare, che ci avrebbero coperti di vergogna a livello internazionale, oltre che devastare un bene prezioso del nostro patrimonio architettonico e culturale come la nostra stupenda Mostra. Confermo piena fiducia nell’indagine in corso essendo tra i primi interessati a fare chiarezza ed evitare nessi con fatti illeciti per un evento come le Universiadi di NAPOLI, del quale siamo e dovremo continuare ad essere fieri”.
Cronache della Campania@2019

Fonte


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!