Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Trieste, le immagini della sparatoria nei video della Questura: poteva essere una strage


Trieste, le immagini della sparatoria nei video della Questura: poteva essere una strage

Alejandro Stephan Meran, nel corso della sparatoria all’interno della Questura di Trieste ha mostrato “lucidità” portando avanti “l’azione aggressiva”. E’ quanto è rilevato nel decreto di fermo. Il gip nell’ordinanza che dispone il carcere per l’uomo, accusato di aver ucciso due agenti e avere sparato contro altri otto poliziotti, rileva l’assenza di riscontri oggettivi su una possibile malattia psichica dell’uomo. E’ sorvegliato in maniera costante e discreta, giorno e notte, Alejandro Augusto Stephan Meran al sesto piano dell’ospedale di Cattinara a Trieste, dove si trova ricoverato nel reparto di Medicina d’Urgenza. L’uomo è in una stanza da solo, sorvegliato a vista da un agente della penitenziaria, che staziona con lui nella stessa stanza, e da altri tre poliziotti che controllano dall’esterno. Nessuno può avvicinarsi ad Alejandro se non personale medico. La vita nel reparto continua regolarmente, anche con visite ai degenti da parte delle rispettive famiglie.
Il bilancio della tragedia nella Questura di Trieste, con due poliziotti uccisi e uno ferito per l’aggressione a colpi di pistola da parte di Alejandro Stephan Meran, poteva “essere più tragico”. E che il dominicano poteva fare una strage “è un dato di fatto”. Lo ha detto, rispondendo alle domande dei giornalisti, il questore di Trieste Giuseppe Petronzi. A chi gli ha chiesto se il bilancio, considerato che l’omicida era armato con due pistole, poteva essere più negativo, il questore ha replicato: “Questo è un dato di fatto. Aveva delle armi, all’interno della Questura. Fortunatamente e tragicamente c’eravamo solo noi poliziotti, fortunatamente non erano esposte altre persone. La potenzialità era tale che il bilancio sarebbe potuto essere più tragico”. E alla domanda, se poteva fare una strage, Petronzi ha ripetuto: “E’ un dato di fatto”.
La drammatica sparatoria nella Questura di Trieste è stata in parte ripresa dalle telecamere che si trovano nell’atrio e all’esterno del palazzo. I video mostrano “fasi estremamente concitate e al tempo stesso drammatiche”, ha spiegato il Questore di Trieste, Giuseppe Petronzi, sottolineando che mostrano “la capacità di risposta dell’apparato che è riuscito a rendere inerte e a fermare la persona immediatamente, scongiurando la possibilità che potesse fare danni peggiori”. Le immagini, sequestrate dall’autorità giudiziaria, mostrano il conflitto a fuoco con il personale di guardia seguito all’uccisione dei due poliziotti e il tentativo di fuga di Alejandro. Nella stessa struttura si trova l’agente ferito nella sparatoria. Il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, ha chiesto l’ergastolo per il responsabile. “Dobbiamo dare più forza alle forze dell’ordine che difendono questo Paese, un Paese che con l’immigrazione comincia a cambiare”, ha affermato. Il sindaco di Velletri, Orlando Pocci, ha annunciato il lutto cittadino in concomitanza con i funerali di Matteo Demenego, originario della cittadina laziale, e del collega Pierluigi Rotta.
Cronache della Campania@2019

Fonte


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!