Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Giovane neo melodico nel video brucia un ‘santino’: indagano i carabinieri


Giovane neo melodico nel video brucia un ‘santino’: indagano i carabinieri

Carabinieri del comando provinciale di Paternò stanno visionando il video di un cantante neomelodico postato su Youtube che riprende, tra l’altro, l’immagine di un ‘Santino’ che brucia, che è una tecnica che ricorre nell’affiliazione mafiosa, oltre alla ‘punciuta’ per fare uscire sangue da un dito della mano. Il filmato, realizzato da Leonardo Zappalà, in arte ‘Scarface’, postato lo scorso 24 giugno, da poco è diventato virale in rete e i militari dell’Arma vogliono capire se ci sono estremi di reato da segnalare alla Procura distrettuale di Catania. Indagini sono in corso anche sulla presenza di minorenni nel video della canzone ‘Guaione e quartieri’ che utilizzano delle pistole, finte, che si puntano anche alla testa prima di abbracciarsi. La canzone parla di giovani, crimini e droga. Parte del filmato è stato girato in una scuola di Paternò. Zappalà, assieme a un altro cantante neomelodico, Niko Pandetta, nipote del boss ergastolano Salvatore Cappello, era finito all’attenzione della Procura di Catania nello scorso giugno che aveva aperto un’inchiesta sulle dichiarazioni rese sui giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino al programma ‘Realiti’ su Raidue. Scarface disse: “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita, le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce, ci deve piacere anche l’amaro”. Sulla vicenda, successivamente, Pandetta ha scritto su Facebook di “non avere mai offeso quei due grandi eroi che hanno dato la propria vita per una giusta lotta”.
Cronache della Campania@2019

Fonte


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!