Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Napoli, è caccia al detenuto evaso da Poggioreale, la Questura: ‘E’ pericoloso, chiunque lo veda segnali subito’


Napoli, è caccia al detenuto evaso da Poggioreale, la Questura: ‘E’ pericoloso, chiunque lo veda segnali subito’

Napoli. Sono in corso le ricerche da parte di tutte le forze di Polizia coordinate dalla Procura della Repubblica del cittadino polacco evaso stamane dal carcere di Poggioreale. Lisowski è alto 180 circa, di corporatura magra, carnagione chiara, con capelli radi castano chiaro; al momento della fuga aveva la barba e un’andatura claudicante. “L’uomo è da considerarsi pericoloso”, spiega in un comunicato la Questura di Napoli. Che poi aggiunge: “Chiunque lo vedesse è pregato di contattare subito i numeri di emergenza e soccorso pubblico”.
Il detenuto polacco evaso dal carcere di napoletano di Poggioreale venne arrestato dalla polizia nei Quartieri Spagnoli di Napoli nel 2018, con l’accusa di avere assassinato un ucraino di 36 anni, suo amico, durante una lite scoppiata in un locale della città frequentato da cittadini dell’Est europeo. La lite, verosimilmente per una questione di donne, prosegui’ in strada dove il polacco, in preda ai fumi dell’alcol e ritenuto pericoloso, accoltello a morte l’amico. “Vogliamo atti concreti – dice ancora il presidente dell’Uspp Giuseppe Moretti – e la costituzione di un osservatorio parlamentare permanente che monitorizzi le criticità delle carceri al fine di adottare provvedimenti di carattere legislativo che riportino l’ordine, la sicurezza e la legalità nelle carceri italiane perché ogni giorno il rischio e’ che accada l’irreparabile”. Per il presidente USPP “l’Europa dovrà capire che il sistema penitenziario italiano non dispone di risorse (umane , strumentali e tecnologiche) sufficienti per rendere decente l’espiazione della pena ed efficace la risocializzazione prevista dalla nostra Costituzione”.
Cronache della Campania@2019

Fonte


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!