Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Napoli, aggressioni alle ambulanze, Vedoliva: ‘No alla militarizzazione, in arrivo le telecamere’


Napoli, aggressioni alle ambulanze, Vedoliva: ‘No alla militarizzazione, in arrivo le telecamere’

“Quanto avvenuto nella serata di ieri ci lascia ancora una volta senza parole, ma ancor più determinati ad andare avanti nell’equipaggiare il Servizio 118 di Napoli di dash cam e body cam”. Il direttore generale della Asl Napoli 1 Centro, Ciro Verdoliva, commenta così l’aggressione verbale avvenuta ai danni di un equipaggio del servizio di emergenza da parte di un uomo ai domiciliari. “La Asl Napoli 1 Centro – ricorda Verdoliva – ha impresso un’accelerazione decisiva all’adozione di nuovi sistemi di videosorveglianza a bordo delle ambulanze, ed è solo una questione di tempi tecnici per l’acquisto e il montaggio. Entro il nuovo anno i mezzi saranno equipaggiati per garantire una maggiore sicurezza a chi si impegna per la salute, ma spesso anche per la vita stessa, dei pazienti”. Una soluzione, spiega la Asl, invocata per anni dai vertici della centrale operativa del 118 “che a giusta ragione non ha mai creduto nella militarizzazione del servizio con scorte di guardie private”. Verdoliva ribadisce che “una militarizzazione del servizio non servirebbe a nulla, se non ad innalzare il livello dello scontro. Persone che impugnano le armi per sequestrare ambulanze o che sparano in pronto soccorso, certo non si farebbero scoraggiare. Com’è successo ieri, la situazione va gestita con estrema professionalità dal personale medico e infermieristico e con il supporto imprescindibile delle forze dell’ordine che, mai, ci fanno mancare il loro prezioso supporto. Ribadisco – conclude il direttore generale – che l’Asl è pronta a costituirsi parte civile in eventuali processi penali e garantire il supporto legale ai dipendenti. Chi attacca un dipendente attacca tutta la squadra e mette a rischio la salute dei cittadini”.
Cronache della Campania@2019

Fonte


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!