Categorie
Cronaca Giudiziaria News Ultime Notizie

Castellammare, si chiude il processo gettonopoli: 5 assolti e 18 condannati

Risarcimento danni e pagamento delle spese processuali per gli ex consiglieri comunali coinvolti nell’ambito del processo “Gettonopoli” che li ha visti indagati per truffa ai danni dello Stato apri a circa due milioni di euro. Secondo l’accusa avrebbero partecipato a commissioni consiliari mai avvenute percependo il gettone di presenza negli anni dal 2005 al 2010 Tutti condannati ad eccezione di Nino Longobardi, (difeso dall’Avvocato Gennaro Somma), Antonio Giaquinto, (difeso dall’avvocato Vincenzo Propenso), Biagio Di Ruocco, Gennaro Ricolo e Nicola Di Martino. Condannati invece Amato Giuseppe ad un anno e quattro mesi di reclusione, Amedeo Di Nardo ad un anno e due mesi di reclusione, Rosa Cuomo ad un anno e quattro mesi di reclusione, Antonio Iovino ad un anno e cinque mesi di reclusione, Ignazio Esposito ad un anno e sei mesi di reclusione, Cascone Francesco d’Assisi ad un anno e sei mesi, Ida Scarpato ad un anno e sei mesi di reclusione, Vito Galasso a due anni e sei mesi di reclusione, Lorenzo Esposito a due anni e un mese di reclusione, Castellano Francesco a due anni e cinque mesi di reclusione, Antonio Cinque ad un anno e due mesi di reclusione, Nastelli Carlo a due anni e otto mesi, Anna Scevola a due anni di reclusione, Scala Camilla a due anni e cinque mesi, Annamaria Maiello a due anni e undici mesi, Cuomo Domenico a un anno e 9 mesi di reclusione. Tutti i condannati ad una reclusione inferiore ai due anni beneficeranno della pena sospesa. Condannati anche i dipendenti del comune di Castellammare di Stabia Giovanni Battista Vingiani a due anni e sei mesi, Cozzolino Giuseppe a due anni di reclusione. Per l’ex consigliera Maiello il risarcimento danni è anche nei confronti dell’Azienda Sanitaria Locale perché dipendente ASL. In sede civile sarà calcolato l’intero danno economico arrecato dai condannati che dovranno risarcire alle parti civili tra cui il comune di Castellammare di Stabia. A tutto ciò bisogna aggiungere il pagamento delle spese processuali.(emidav)
Cronache della Campania@2019

Fonte