Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Carabiniere ucciso a Roma, il 19enne americano ha pianto alla notizia della morte


L’americano che ucciso il carabiniere su Instagram: ‘La morte é garantita, la vita no’. Il giovane fa uso di ansiolitici

Ma è morto? E’ proprio morto?” A dirlo è Natale Hjorth  uno dei due giovani americani fermati per la morte del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. Il diciannovenne reo confesso Finnegan Lee Elder , invece,  ha pianto quando ha saputo che Mario Cerciello Rega era morto. La notizia gli è stata data in caserma, dopo il fermo. Spuntano nuovi dettagli dall’inchiesta il militare “non aveva l’arma con sé, l’aveva lasciata in caserma. I colleghi l’hanno trovata nell’armadietto”. A dirlo è il comandante provinciale dei carabinieri di Roma, Francesco Gargaro, durante la conferenza stampa di questa mattina sulle indagini per l’omicidio del militare. L’altro collega Varriale “aveva con sé la pistola”.
Cronache della Campania@2019

Fonte


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!