Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Rivelarono i segreti dell’indagine, a giudizio i poliziotti del clan


0

Avrebbero rassicurato una persona sul suo mancato coinvolgimento in un’indagine della Procura Antimafia. Arrivando così a violare – secondo le accuse – la riservatezza di certe notizie, che dovevano restare segrete. Ora saranno processati, con il rinvio a giudizio disposto dal gup del tribunale di Nocera Inferiore, Leda Rossetti, per due poliziotti in servizio al commissariato di Cava de’ Tirreni. Con loro anche un terzo imputato, un privato cittadino, che sarebbe risultato il beneficiario di quelle informazioni. Sono accusati in concorso di rivelazione del segreto istruttorio. Il fascicolo d’indagine fu aperto dalla procura di Nocera Inferiore, dopo il lavoro della Dda, che attraverso un’attività investigativa sull’esistenza del presunto clan che avrebbe fatto capo a Dante Zullo, intercettò quel giro di informazioni che sarebbero passate dai due poliziotti alla terza persona. In qualità di pubblici ufficiali e su richiesta dello stesso privato cittadino, i due agenti riferirono allo stesso di star tranquillo, perché estraneo a quell’indagine. La comunicazione di quel suo mancato coinvolgimento è costata cara ai tre, per i quali il gup ha disposto il rinvio a giudizio, come chiesto dalla procura, al termine dell’udienza preliminare. Pur a seguito di una lunga discussione degli avvocati difensori, che avevano fornito elementi a supporto dell’innocenza dei tre. Ora sarà il processo a chiarire le presunte responsabilità dei tre, con l’inizio del dibattimento fissato per il prossimo novembre.

Cronache della Campania@2018


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!

0