Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Armi, droga ed investimenti: ecco il business dei Casalesi sull’asse Catania-Roma


Una vera e propria “fusione tra catanesi e casalesi”: così definiva il rapporto tra le due organizzazioni criminali Alessandro Fragalà, 61 anni, a capo del clan omonimo che si era ritagliato un dominio criminale in terra laziale, lontano da Catania, città d’origine. L’ordinanza di custodia cautelare relativa ai soggetti coinvolti nell’operazione “Equilibri” mette nero su bianco i capi d’imputazione che vanno dalle estorsioni, effettuate ai danni di imprese utilizzando i tipici metodi dell’intimidazione mafiosa, al traffico internazionale di droga, passando per la detenzione di armi. I rapporti con i Casalesi
Come racconta CataniaToday, Il clan Fragalà aveva stretto rapporti di collaborazione con una fazione del clan dei casalesi, nello specifico quella capeggiata da Corrado De Luca. Secondo quanto descritto nell’ordinanza di custodia cautelare il rapporto dei Fragalà con i camorristi è di tipo stabile. “La relazione tra le organizzazioni si costituisce, nel tempo, su un piano di parità – scrive il giudice – il raccordo operativo era rappresentato da Santo D’Agata mentre la compagine campana era rappresentata, oltre che da Corrado De Luca stesso, dai suoi emissari Vincenzo Di Lauro e Emiddio Coppola, detto “Emilio” e Nicola Diana, inteso ‘U Mancin’. La collaborazione tra i due sodalizi comprendeva l’uso della forza di intimidazione dei Fragalà per la risoluzione di problematiche maturate in ambito criminale in territorio laziale e riguardanti persone di interesse del clan campano; la creazione di sinergie per investimenti immobiliari e commerciali in Italia e all’estero e la partecipazione dei casalesi a viaggi e incontri in Sicilia per la trattazione di affari o interessi illeciti. Gli inquirenti, nell’arco temporale compreso tra luglio e settembre 2014, registrano ben 304 contatti telefonici tra i componenti del clan Fragalà e i casalesi. In una prima fase il rappresentante di Corrado De Luca presso i Fragalà era Vincenzo Di Lauro che però viene destituito a causa di frizioni interne ai casalesi, ruolo che verrà dunque assunto ad agosto del 2015 da “Emilio” Coppola: “Oggi rivesti un ruolo particolare – dice Alessandro Fragalà intercettato – Corrado ti ha reso responsabile e ogni qualsiasi cosa la devi riferire a me e a Santo”.
Traffico di droga
Gli inquirenti hanno fatto emergere i contatti tra i due sodalizi criminali soprattutto in relazione al traffico di stupefacenti. Una delle transazioni più consistente portate a termine ha avuto come oggetto un carico di 400 chilogrammi di hashish dalla Spagna: nell’affare erano coinvolti Alessandro Fragalà, Santo D’Agata e ‘Emilio’ Coppola dei Casalesi. Era appunto la Spagna il paese dal quale i Fragalà importavano il maggior quantitativo di hashish e marijuana. A riscontro delle dichiarazioni rese dal collaboratore Sante Fragalà ci sono i numerosi viaggi in terra iberica effettuati da Salvatore Fragalà: ben 4 nel bimestre giugno agosto del 2014. Dopo la scarcerazione del capofamiglia Alessandro nel 2015, gli inquirenti ricostruiscono, attraverso le intercettazioni telefoniche, la detenzione e l’offerta in vendita di un quantitativo di hashish e marijuana pari a 200 chilogrammi, parte del quale destinato a una “famiglia palermitana operante nel quartiere di Ciaculli”. In questa occasione Santo D’Agata e gli emissari palermitani avevano posto le basi per l’instaurazione di un rapporto continuativo che avrebbe previsto la vendita di centinaia di chili al mese in territorio palermitano: “Sto ragazzo dice che vuole duecento chili alla settimana, dice se si può portare direttamente là cosi evitiamo di fare queste cose, gli ho detto il trasporto lo fate voi o lo volete da noi?”.

Cronache della Campania@2018


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!