Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Sgominata la banda di giovani pusher: acquistavano la droga via internet con i Bitcoin


0

Nella mattinata di oggi, a Santa Maria Capua Vetere, San Prisco e Cento in provincia di Ferrara, i carabinieri di San Prisco  hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque persone (tre in carcere, due agli arresti domiciliari), accusate a vario titolo dei reati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti (marijuana e hashish) e detenzione e spaccio di stupefacenti in concorso. La droga veniva acquistata dagli spacciatori anche via internet e, in alcuni casi, pagata anche in Bitcoin.Il provvedimento è giunto al termine di un’inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, tra la fine del 2015 e quella del 2018, attraverso intercettazioni telefoniche, testimonianze e controlli.L’inchiesta ha permesso di appurare l’esistenza di un gruppo di 11 giovani, sei dei quali minorenni, dediti allo spaccio a Santa Maria Capua Vetere e zone limitrofe. Le intercettazioni hanno permesso di comprendere il modus operandi dei componenti della banda, definito dagli inquirenti “innovativo”: il capo, infatti, comunicava con gli altri associati anche mediante un sistema informatico di messaggeria criptato noto come ‘Surespot’ e provvedeva in parte all’approvvigionamento di stupefacenti (in particolare, di marijuana) attraverso il servizio postale, con accordi via internet e pagando anche in Bitcoin. Per gli indagati minorenni la procura del tribunale specifico ha emesso un avviso di conclusione indagini preliminari.

Cronache della Campania@2018


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!

0