Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Uccise la zia a Ponticelli: condannato a 17 anni di carcere


13

E’ stato condannato a diciassette anni e quattro mesi di reclusione, Pasquale De Liguori, il 39 enne di Ponticelli che uccise la zia a coltellate e ne ferì una seconda per motivi economici. Una condanna pesante quella inflitta ieri in primo grado tenendo presente che il processo si è svolto con il rito abbreviato che prevede lo sconto di pena e che all’imputato è stata riconosciuta la semi infermità mentale. Infatti  alla sentenza c’è anche una appendice di condanna di tre anni da trascorrere in una casa di cura stabiliti come misura di prevenzione perché una perizia psichiatrica, disposta nel corso dell’inchiesta, ha accertato i problemi che hanno condizionato la sua stabilità mentale.

Pasquale De Liguori lo scorso ottobre uccise sua zia a coltellate e tentò di ucciderne un’altra. L’uomo avrebbe  dovuto essere agli arresti domiciliari: uscì di casa sotto l’effetto di stupefacenti e raggiunse la casa delle anziane zie. Armato di coltello si avventò contro la zia Rosa Vitagliano  e la colpì più volte, mirando al torace, fino a ucciderla. Con altri fendenti colpì l’altra zia, Maria che nel frattempo gridava e chiedeva aiuto, ferendola al collo e alla testa. Anna, la figlia di Rosa, dovette assistere alla morte della madre senza poter far nulla per impedirle quello strazio: dopo aver provato a fermare il cugino, sarebbe corsa verso casa riuscendo a chiudere la porta in tempo per evitare di essere raggiunta. Per il pubblico ministero, si trattò di una violenza che Pasquale De Liguori avrebbe premeditato e pianificato. La difesa di De Liguori aveva sostenuto la totale incapacità di intendere e di volere dell’imputato chiedendone l’assoluzione. Il pubblico ministero di udienza aveva concluso per la seminfermità mentale dell’imputato chiedendo una pena di quasi quindici anni di carcere.Il gup Perrella però ha inflitto una condanna superiore a quella richiesta dal pm.


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!

13