Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Camorra: ecco come i fratelli Inquieto crearono in Romania l’impero economico dei Casalesi. IL VIDEO


14

Vincenzo, il terzo fratello Inquieto con l’ex primula rossa dei dei Casalesi nel 2011, faceva l’idraulico; gli altri fratelli Nicola e Giovanni Inquieto, destinatari di una misura cautelare dopo indagini della Dia di Napoli e presi l’uno in Romania e l’altro ad Aversa, erano invece gli imprenditori di fiducia del boss Michele Zagaria. Con ruoli diversi, dice la misura cautelare firmata dal gip Federica Colucci. Nicola e’ per gli inquirenti il referente di Zagaria, l’uomo che ne ha curato tutti gli investimenti economici prima in Italia e poi dal 2004 in Romania attraverso la Italy Constructi, una srl a carattere immobiliare. E’ lui che ha anche fatto rientrare i capitali in modo da rifornire costantemente di denaro la famiglia del boss. Ed e’ anche lui che ha provveduto in maniera costante e stabile a rifornire di denaro agli affilati. Il fratello Giuseppe ha una gestione diretta di altre societa’, la Inaba metal, ma soprattutto l’Aurora Service e l’Aurora servizi, che fanno affari prevalentemente nel settore dell’abbigliamento attraverso anche catene di outlet. Il contributo di Giuseppe e’ pero’ soprattutto quello di aver curato la costruzione e la manutenzione dei bunker in cui Michele Zagaria ha trascorso la sua decennale latitanza, tutti creati all’interno di proprieta’ immobiliari che a lui fanno capo. Coinvolto in questa inchiesta anche un altro gruppo familiare fedelissimo a questa fazione dei Casalesi, quello di Salvatore e Giovanni Nobis, indagati insieme al figlio di Salvatore, Mario, e alla moglie di Giovanni, Rita Fontana, titolare di caseifici. Per i tre, il gip Colucci ha deciso di respingere le richieste del pm. 

Una famiglia a disposizione del boss Michele Zagaria, ma soprattutto persone pronte a curarne gli interessi patrimoniali. E’ quanto emerso nelle indagini della Dia che hanno portato a individuare l’impero del boss del clan dei Casalesi e ad arrestare Nicola e Giuseppe Inquieto, il primo residente in Romania e il secondo ad Aversa. I due sono fratelli di Vincenzo Inquieto, ovvero l’idraulico che per anni ha tenuto nascosto Zagaria in un bunker sotto la sua villa di via Mascagni a Casapesenna. I due fratelli, proprio dopo l’arresto di Zagaria e dell’altro fratello, iniziarono a incrementare gli investimenti nell’Est Europa. Degli Inquieto ha parlato piu’ volte anche il boss Antonio Iovine, oggi collaboratore di giustizia. Iovine dato’ anche il rapporto tra loro e Zagaria che sarebbe iniziato nel 1997. In particolare, Iovine racconto’ che Nicola Inquieto avrebbe messo a disposizione un appartamento a San Cipriano d’Aversa per Carmine Zagaria, fratello di Michele. E quando Carmine Zagaria fu catturato, sarebbe stato lo stesso Michele Zagaria a decidere di mandarlo in Romania per allontanarlo dalle attenzioni degli inquirenti.

Cronache della Campania@2018


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!

14