Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Il giallo di Cava, uccide la moglie e tenta il suicidio: è grave


4

Cava de Tirreni, forse si tratta di un omicidio e un tentato suicidio. E’ questa l’ipotesi principale sulla quale i carabinieri della tenenza di Cava de Tirreni, che stanno conducendo le indagini, stanno lavorando per dare una spiegazione alla tragedia che si è consumata stamane in località Sant’Anna. Da una prima ricostruzione dei carabinieri sembra che la coppia, abbia iniziato a litigare nella propria abitazione a Sant’Anna e si siano accoltellati: Nunzia Maiorano, 41 anni, è morta mentre il marito Salvatore Siani, di 48 anni e che gestisce un negozio di moda capelli donna a Salerno, è stato trasportato, in gravissime condizioni, all’ospedale cittadino. L’uomo è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico il 48enne Salvatore Siani che, questa mattina a Cava de’ Tirreni, al culmine di una violenta lite con la moglie, Nunzia Maiorano, 41 anni, ha ucciso la donna a coltellate. La donna non sarebbe morta sul colpo, ma poco dopo, una volta giunta al pronto soccorso del presidio ospedaliero Santa Maria dell’Olmo. La dinamica dei fatti, non ancora chiarita, e’ al vaglio degli inquirenti. Puo’ trattarsi di un omicidio che segue un tentato suicidio oppure dell’esito del violento litigio avvenuto tra i due. La coppia aveva tre figli i quali, sembra, stessero giocando nel cortile dell’abitazione nella frazione Sant’Anna. Ai servizi sociali del Comune di Cava de’ Tirreni non risultano segnalazioni. Sulla vicenda interviene il sindaco della citta’ a Nord di Salerno, Vincenzo Servalli, che sentito da alcuni giornalisti locali ha affermato: “E’ una notizia terrificante. Il primo pensiero e’ per la giovane vita di mamma spezzata, ai tre figli e a questa famiglia distrutta. Non ricordo episodi del genere nella nostra citta’, non conosco le motivazioni del gesto che non puo’ trovare alcuna spiegazione di nessun genere. Sono drammi familiari di una gravita’ assoluta che molto spesso arrivano inaspettati anche per le stesse famiglie. Ai servizi sociali del Comune, peraltro, non risultano segnalazioni. In questo momento di grande dolore, credo che piu’ delle parole serva il silenzio”.

Cronache della Campania@2018


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!

4