Categorie
Cronaca Cronaca Giudiziaria Ultime Notizie

Caserta: tentò di uccidere due rivali, arrestato Brusciano, il braccio destro del boss Giuseppe Setola

Caserta. Tentò di uccidere, per ordine del boss Giuseppe Setola, due avversari: è stato raggiunto da un’ordinanza cautelare in carcere Gabriele Brusciano, detto Massimo, esponente del clan dei Casalesi ed ex fedelissimo del boss Giuseppe Setola.
Faceva parte del gruppo di fuoco, otto in tutto, guidato dallo stesso Setola che il 12 dicembre 2008 tentò di uccidere Salvatore Orabona e Pietro Falcone due affiliati che ritenuti “nemici”, sparando decine di proiettili con kalashnikov e pistole alle finestre delle rispettive abitazioni a Trentola Ducenta. Nessuno dei due bersagli fu colpito mentre una donna assolutamente incolpevole rimase ferita.
Un raid interamente ascoltato in diretta dagli inquirenti che erano sulle tracce di Setola.
“Li dobbiamo uccidere, hai capito? Na botta ‘nfaccia” ordinò ai suoi uomini il boss in dialetto, seguito da risate, voci che intonavano canzoni neomelodiche, e gli spari, tanti. A Brusciano, detto “Massimo”, oggi è stato notificato in carcere il provvedimento cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Dda per i tentati omicidi di Salvatore Orabona e Pietro Falcone.
Salvatore Orabona è diventato collaboratore di giustizia, e sta rendendo dichiarazioni soprattutto sul clan Zagaria. I fatti furono quasi l’epilogo della stagione del terrore che nel 2008 insanguinò il Casertano; una strategia ideata dal boss Giuseppe Setola, ex braccio destro del capoclan Francesco Bidognetti, che ad aprile 2008 evase dalla clinica di Pavia dove era ai domiciliari per presunti problemi all’occhio destro.
Da allora iniziò a seminare terrore uccidendo parenti di esponenti di spicco del clan che avevano scelto di collaborare con la giustizia, come Umberto Bidognetti, papà del pentito Domenico, o imprenditori che avevano denunciato e fatto arrestare gli estorsori del clan, come Domenico Noviello, o che erano in procinto di parlare con gli inquirenti, come Michele Orsi; fece scalpore la strage dei ghanesi avvenuta il 18 settembre 2008.
A dicembre Setola, con alcuni suoi fedelissimi già arrestati, riuscì a mettere in piedi un gruppo di otto sicari per colpire Orabona e Falcone, che a suo dire, contrastavano la sua ascesa e non volevano sottomettersi al suo comando. I fatti avvennero a Trentola Ducenta, dove risedevano i due bersagli.
I killer guidati da setola, armati di pistole e kalashnikov, si recarono prima nei pressi dell’abitazione di Orabona, in via Caravaggio, e con il pretesto di offrirgli una torta ed una bottiglia di champagne provarono a tendergli una trappola. Orabona intuì di essere una vittima designata e non uscì, restando nascosto in casa.
A quel punto Setola e i suoi, sorpresi dal comportamento di Orabona, e forse in preda ad alcol e cocaina, iniziarono a sparare verso la finestra dell’abitazione del camorrista senza però ferire nessuno. Il gruppo di fuoco tentò di raggiungere casa di Falcone, nella vicina via Vittorio Alfieri, ma probabilmente per un errore nell’individuazione dell’appartamento, spararono verso un’altra abitazione dove dimorava una famiglia del tutto estranea ai clan di camorra, tanto da ferire gravemente una donna.

(nella foto il boss Giuseppe Setola)

Copyright@2017 CronachedellaCampania.it