Categorie
Cronaca Cronaca Nera Ultime Notizie

Minacciato il complice del baby killer di Pasquale Zito. Si cerca anche chi gli ha fornito la pistola

CronachedellaCampania.it

E’stato minacciato il complice del baby killer di Bagnoli che ha ucciso per gelosia il 4 febbraio scorso il 22enne Pasquale Zito. Si tratterebbe di un ragazzo della stessa età del 16enne arrestato ieri ma non ancora identificato. C’è un’intercettazione telefonica in cui una persona vicina al baby killer D.I. parlando con una seconda persona dice “Quello non deve parlare, hai capito? Vedi tu come glielo devi dire”. Si sentivano braccati quelli vicini al ragazzo che era stato fermato e sottoposto alle Stube, risultato positivo, la sera stessa dell’omicidio. Avevano capito che la polizia era sulle loro tracce e temevano che il conducente del motorino, come si vede nel video diffuso dalla polizia, potesse parlare. Il ragazzo è imparentato con il boss Alessandro Giannelli e gli investigatori hanno dovuto lavorare in questi tre mesi in un contesto omertoso e difficile.Anche se la famiglia del ragazzo è fuori dalle logiche criminali in cui è caduto il ragazzo essend..

CronachedellaCampania.it

E’stato minacciato il complice del baby killer di Bagnoli che ha ucciso per gelosia il 4 febbraio scorso il 22enne Pasquale Zito. Si tratterebbe di un ragazzo della stessa età del 16enne arrestato ieri ma non ancora identificato. C’è un’intercettazione telefonica in cui una persona vicina al baby killer D.I. parlando con una seconda persona dice “Quello non deve parlare, hai capito? Vedi tu come glielo devi dire”. Si sentivano braccati quelli vicini al ragazzo che era stato fermato e sottoposto alle Stube, risultato positivo, la sera stessa dell’omicidio. Avevano capito che la polizia era sulle loro tracce e temevano che il conducente del motorino, come si vede nel video diffuso dalla polizia, potesse parlare. Il ragazzo è imparentato con il boss Alessandro Giannelli e gli investigatori hanno dovuto lavorare in questi tre mesi in un contesto omertoso e difficile.Anche se la famiglia del ragazzo è fuori dalle logiche criminali in cui è caduto il ragazzo essendo Un fratellastro è entrato in polizia di recente, la sorella fa la parrucchiera col padre e anche la mamma lavora. Solo lui si è lasciato trascinare sulla strada della microcriminalità frequentando amicizie sbagliate e abbandonando la scuola. La polizia oltre oltre a cercare di individuare il complice sta anche lavorando sulla pista che porta a chi gli ha fornito la micidiale calibro 9 parabellum. D. I. nonostante si atteggiasse già a baby boss ha commesso una leggerezza tipica dei non esperti. E’ andato a compiere l’omicidio con il telefonino acceso. E quando fin da subito le indagini si sono concentrate su di lui sottoponendolo allo stube gli investigatori hanno trovato un altro riscontro positivo ovvero: il suo telefonino che agganciava la” cella” di via Maiori a Bagnoli alla stessa ora in cui è stato commesso l’omicidio. Tanto è bastato per ottenere subito dal magistrato l’autorizzazione alle intercettazioni telefoniche che hanno completato il quadro indiziario che ha portato al suo arresto di ieri mattina.

Minacciato il complice del baby killer di Pasquale Zito. Si cerca anche chi gli ha fornito la pistola
Copyright@2016 CronachedellaCampania.it