Categorie
Cronaca Cronaca Nera Ultime Notizie

Strage al bar Sayonara di Ponticelli, la Cassasione conferma: “Fine pena mai” per 11 imputati

Si sono dovuti attendere ben 27 anni per arrivare alla sentenza definitiva da parte della Cassazione per il processo per la famosa strage del 1989 a Ponticelli all’interno del bar Sayonara dove furono massacrate sei persone, quattro delle quali vittime innocenti e numerosi feriti tra cui una bambina. “Fine pena mai” per undici imputati: Ciro Sarno, Antonio e Giuseppe Sarno, Giovanni, Ciro e Gennaro Aprea, Vincenzo Acanfora, Luigi Piscopo, Gaetano Caprio, Roberto Schisa, Pacifico Esposito. I pentiti sono Ciro, Giuseppe, Vincenzo, Pasquale e Luciano Sarno. Sedici anni per Giuseppe Esposito. La Suprema Corte ha anche inviato gli atti nuovamente in Corte d’Appello per i pentiti i cui reati erano stati ritenuti prescritti in secondo grado.La strage dell’11 novembre del 1989 fu decisa dal clan Sarno per vendicare la morte di uno dei propri affiliati (Vincenzo Duraccio) ammazzato nel corso della faida con la cosca degli Andreotti per il controllo degli affari criminali nel famoso “Triangolo della morte” di Napoli ovvero Barra-Ponticelli- San Giovanni a Teduccio. A fare luce su quella mattanza sono stati proprio i mandanti, ovvero i fratelli Vincenzo e Ciro Sarno, i due boss pentiti e passati dalla parte dello Stato. “Non volevo che venissero coinvolte persone innocenti. È una strage che ancora mi pesa – aveva raccontato al pm Ciro Sarno – Anche in ragione del fatto che, sebbene sia stato il mandante dell’azione, di certo non volevo gli esiti che poi si sono avuti”. L’obiettivo principale dell’agguato, infatti, era Antonio Borrelli, un fedelissimo di Andrea Andreotti detto o’ cappotto che, mentre “’o sindaco” era detenuto, aveva risposto male al fratello Giuseppe “’o mussillo”. “Prima che i killer partissero – raccontò Ciro Sarno – venni chiamato da parte da mio cugino Pacifico Esposito, che era preoccupato per il fatto di aver notato che quelli di Barra erano tutti drogati e quindi poco lucidi per un’azione del genere. Gli dissi di non preoccuparsi e diedi il via all’azione. Le prime notizie che mi giunsero, portatemi da mio cugino Esposito Giuseppe, erano drammatiche per due ordini di ragioni, sia perché mi diceva che non era stato ucciso nessuno degli uomini dell’Andreotti sia perché mi aggiungeva erano state uccise persone innocenti. Solo successivamente si apprese che invece, era rimasto a terra, oltre a quattro vittime innocenti, anche Borrelli Antonio, ed era stato colpito Vincenzo Meo, che morì dopo qualche giorno in ospedale”. Le vittime designate erano due uomini di Andreotti: Antonio Borrelli e Vincenzo Meo, che furono finiti con il classico colpo di grazia alla testa. Le quattro vittime innocenti invece sono Gaetano De Cicco, Domenico Guarracino, Salvatore Benaglia e Gaetano Di Nocera i cui parenti dopo 27 anni hanno avuto giustizia.
L'articolo Strage al bar Sayonara di Ponticelli, la Cassasione conferma: “Fine pena mai” per 11 imputati sembra essere il primo su Cronache della Campania.

Si sono dovuti attendere ben 27 anni per arrivare alla sentenza definitiva da parte della Cassazione per il processo per la famosa strage del 1989 a Ponticelli all’interno del bar Sayonara dove furono massacrate sei persone, quattro delle quali vittime innocenti e numerosi feriti tra cui una bambina. “Fine pena mai” per undici imputati: Ciro Sarno, Antonio e Giuseppe Sarno, Giovanni, Ciro e Gennaro Aprea, Vincenzo Acanfora, Luigi Piscopo, Gaetano Caprio, Roberto Schisa, Pacifico Esposito. I pentiti sono Ciro, Giuseppe, Vincenzo, Pasquale e Luciano Sarno. Sedici anni per Giuseppe Esposito. La Suprema Corte ha anche inviato gli atti nuovamente in Corte d’Appello per i pentiti i cui reati erano stati ritenuti prescritti in secondo grado.La strage dell’11 novembre del 1989 fu decisa dal clan Sarno per vendicare la morte di uno dei propri affiliati (Vincenzo Duraccio) ammazzato nel corso della faida con la cosca degli Andreotti per il controllo degli affari criminali nel famoso “Triangolo della morte” di Napoli ovvero Barra-Ponticelli- San Giovanni a Teduccio. A fare luce su quella mattanza sono stati proprio i mandanti, ovvero i fratelli Vincenzo e Ciro Sarno, i due boss pentiti e passati dalla parte dello Stato. “Non volevo che venissero coinvolte persone innocenti. È una strage che ancora mi pesa – aveva raccontato al pm Ciro Sarno – Anche in ragione del fatto che, sebbene sia stato il mandante dell’azione, di certo non volevo gli esiti che poi si sono avuti”. L’obiettivo principale dell’agguato, infatti, era Antonio Borrelli, un fedelissimo di Andrea Andreotti detto o’ cappotto che, mentre “’o sindaco” era detenuto, aveva risposto male al fratello Giuseppe “’o mussillo”. “Prima che i killer partissero – raccontò Ciro Sarno – venni chiamato da parte da mio cugino Pacifico Esposito, che era preoccupato per il fatto di aver notato che quelli di Barra erano tutti drogati e quindi poco lucidi per un’azione del genere. Gli dissi di non preoccuparsi e diedi il via all’azione. Le prime notizie che mi giunsero, portatemi da mio cugino Esposito Giuseppe, erano drammatiche per due ordini di ragioni, sia perché mi diceva che non era stato ucciso nessuno degli uomini dell’Andreotti sia perché mi aggiungeva erano state uccise persone innocenti. Solo successivamente si apprese che invece, era rimasto a terra, oltre a quattro vittime innocenti, anche Borrelli Antonio, ed era stato colpito Vincenzo Meo, che morì dopo qualche giorno in ospedale”. Le vittime designate erano due uomini di Andreotti: Antonio Borrelli e Vincenzo Meo, che furono finiti con il classico colpo di grazia alla testa. Le quattro vittime innocenti invece sono Gaetano De Cicco, Domenico Guarracino, Salvatore Benaglia e Gaetano Di Nocera i cui parenti dopo 27 anni hanno avuto giustizia.

L'articolo Strage al bar Sayonara di Ponticelli, la Cassasione conferma: “Fine pena mai” per 11 imputati sembra essere il primo su Cronache della Campania.