Categorie
Cronaca Cronaca Nera Ultime Notizie

Napoli: il presunto killer di Vincenzo era sul luogo del delitto. Lunedì la convalida del fermo

Si terrà probabilmente lunedì prossimo l’udienza di convalida del decreto fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli nei confronti di Gaetano Nunziato, 23 anni, accusato di avere ucciso con un paio di colpi di pistola al viso e poi sepolto Vincenzo Amendola, 18 anni, scomparso lo scorso 5 febbraio. La vittima è stata ritrovata ieri, sepolta, in un terreno del quartiere San Giovanni a Teduccio. Nunziato è accusato di omicidio aggravato dal metodo mafioso, detenzione di arma ed occultamento di cadavere. L’assassinio sarebbe avvenuto tra il 4 e il 5 febbraio, nel luogo dove poi è stato trovato il cadavere del giovane. Era sul luogo del delitto Gaetano Nunziato, il giovane di 23 anni accusato di avere ucciso con un paio di colpi di pistola al viso Vincenzo Amendola, 18 anni, scomparso lo scorso 5 febbraio e ritrovato ieri, sepolto, in un terreno del quartiere San Giovanni a Teduccio, La circostanza emerge dall’attività investigativa della Polizia di Stato che ieri ha sottoposto a fermo Nunziato con l’accusa di omicidio aggravato dal metodo mafioso, detenzione di arma ed occultamento di cadavere. L’assassinio sarebbe avvenuto tra il 4 e il 5 febbraio, nel luogo dove poi è stato trovato il cadavere del giovane. Il decreto di fermo, eseguito ieri, è stato emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea. Il 23enne – ritenuto vicino a un clan camorristico della zona – ha reso ieri delle dichiarazioni al magistrato di turno della Procura di Napoli che ora sono al vaglio all’autorità giudiziaria. In merito al movente non ci sono al momento certezze anche se le piste più battute dagli investigatori portano a un regolamento di conti scaturito da uno sgarro. Non si esclude anche la pista sentimentale. Le indagini si stanno ora concentrando sul passato sia di Nunziato che di Amendola e si sta cercando anche di scoprire se il killer abbia agito da solo o con l’aiuto di qualche complice.

Si terrà probabilmente lunedì prossimo l’udienza di convalida del decreto fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli nei confronti di Gaetano Nunziato, 23 anni, accusato di avere ucciso con un paio di colpi di pistola al viso e poi sepolto Vincenzo Amendola, 18 anni, scomparso lo scorso 5 febbraio. La vittima è stata ritrovata ieri, sepolta, in un terreno del quartiere San Giovanni a Teduccio. Nunziato è accusato di omicidio aggravato dal metodo mafioso, detenzione di arma ed occultamento di cadavere. L’assassinio sarebbe avvenuto tra il 4 e il 5 febbraio, nel luogo dove poi è stato trovato il cadavere del giovane. Era sul luogo del delitto Gaetano Nunziato, il giovane di 23 anni accusato di avere ucciso con un paio di colpi di pistola al viso Vincenzo Amendola, 18 anni, scomparso lo scorso 5 febbraio e ritrovato ieri, sepolto, in un terreno del quartiere San Giovanni a Teduccio, La circostanza emerge dall’attività investigativa della Polizia di Stato che ieri ha sottoposto a fermo Nunziato con l’accusa di omicidio aggravato dal metodo mafioso, detenzione di arma ed occultamento di cadavere. L’assassinio sarebbe avvenuto tra il 4 e il 5 febbraio, nel luogo dove poi è stato trovato il cadavere del giovane. Il decreto di fermo, eseguito ieri, è stato emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea. Il 23enne – ritenuto vicino a un clan camorristico della zona – ha reso ieri delle dichiarazioni al magistrato di turno della Procura di Napoli che ora sono al vaglio all’autorità giudiziaria. In merito al movente non ci sono al momento certezze anche se le piste più battute dagli investigatori portano a un regolamento di conti scaturito da uno sgarro. Non si esclude anche la pista sentimentale. Le indagini si stanno ora concentrando sul passato sia di Nunziato che di Amendola e si sta cercando anche di scoprire se il killer abbia agito da solo o con l’aiuto di qualche complice.